GRANDE GUERRA BIANCA

Art & photo, Livres

Visuel du projet GRANDE GUERRA BIANCA
Checked circleRéussi
232
Contributeurs
Friday, April 27, 2018
Date de fin
23 495 €
Sur 22 000 €
106 %

Un progetto fotografico di quattro anni sulle tracce della Grande Guerra in alta montagna. Vorrei che diventasse un libro! Mi dai una mano?

Suivre et partager

GRANDE GUERRA BIANCA

Come è nata questa avventura?

 

Sono un fotogiornalista e un fotografo documentarista italiano. Ho realizzato reportage in molti paesi del mondo ma negli ultimi anni ho concentrato la mia attenzione sulle Alpi italiane. Nell’estate del 2013, sotto la guida di Marco Gramola, ho iniziato, a esplorare i ghiacciai e l’alta montagna del Trentino-Alto Adige, della Lombardia e del Veneto, alla ricerca dei segni di quella che è stata chiamata la Guerra Bianca.

 

alt

 

Con Guerra Bianca si intende il conflitto che si è combattuto in alta montagna, lungo il naturale confine montuoso che separava nel 1915 l’Impero austroungarico dal Regno di Italia e che divenne drammaticamente la linea del fronte bellico. Per quattro anni ho affrontato le montagne della Grande Guerra, al fine di realizzare un archivio fotografico importante e unico al mondo.

 

 

alt

 

Il mio lavoro sulla Guerra Bianca è stato in parte pubblicato in un servizio e allestito in una mostra itinerante  per conto di National Geographic Italia.

 

 

alt

alt

 

Ora vorrei che la migliore selezione delle fotografie di questi anni, molte delle quali inedite,  diventasse un grande libro! Un libro da pubblicare nel 2018 in occasione della fine del centenario della Prima Guerra Mondiale, un libro per i prossimi cento anni!

 

alt

 

Come ho fotografato le tracce della Grande Guerra?

 

alt

 

In tempi recenti il grande cambiamento climatico ha restituito una grande quantità di materiali usati per la guerra, reperti, siti e oggetti appartenuti a quella straordinaria epopea e conservati per cento anni sotto la neve e il ghiaccio. Dal gruppo dell’Ortles Cevedale all’Adamello, dalla Presanella al Tonale, dall’Alte Valli di Ledro al sacro monte Pasubio, dall’Ortigara al Lagorai, dal Cauriol alla Marmolada fino a Cima Undici e alla Croda Rossa, correva la linea del fronte più alto mai raggiunto da una guerra in terra europea.

CARTINA

Ho ripercorso a cento anni di distanza questi sentieri di guerra, marciando sui ghiacciai e arrampicandomi sulle cime per fotografare tutto quello che rimane della Guerra Bianca.

Le “tracce di guerra” sono ben visibili nelle fotografie che ho scattato in questi anni e che hanno un valore documentario unico perché illustrano situazioni attuali che potrebbero un giorno scomparire definitivamente, cancellate dalle forze della natura.

E’ quindi importantissimo che oggi le mie fotografie siano “fissate” nelle pagine del grande libro che sto preparando per tutti gli appassionati di montagna e di storia.

 

alt

 

Il Libro.

 

alt

 

I testi. La prefazione sarà di Paolo Cognetti, premio Strega 2017, il testo storico sulla Guerra Bianca sarà a cura di Diego Leoni, premio Rigoni Stern 2017. Il giornalista Enrico Martinet realizzerà l’intervista/racconto ai due autori del progetto Stefano Torrione e Marco Gramola.

Il libro che verrà stampato in 2000 copie e distribuito in Italia con il marchio di Stefano Torrione photography. Il formato del libro sarà di 195x255 mm, l’Interno avrà 256 pagine e conterà circa 200 fotografie a colori e in bianco e nero stampate su carta Gardamatt 150 g/m². Stampato in due versioni, una con copertina bianca e una con copertina ghiaccio, sarà a discrezione dei sostenitori kissbankers.  

 

alt 

 

L'Autore. Stefano Torrione, fotografo valdostano, si dedica alla fotografia dopo la laurea in Scienze Politiche. Professionista dal 1992, ha iniziato la carriera presso il settimanale Epoca e ha vinto il Premio Kodak Europeo Panorama nel 1994 ad Arles (Francia).

Si è successivamente dedicato al reportage geografico e etnografico viaggiando negli anni in molti paesi del mondo e pubblicando servizi su numerose riviste italiane e straniere.

Ha pubblicato diversi libri monografici e ha partecipato a esposizioni in molte città.

Negli ultimi anni ha lavorato in particolare sulle Alpi, realizzando due progetti fotografici a lungo termine: il primo sulle tracce della I Guerra Mondiale e il secondo sul patrimonio immateriale delle popolazioni alpine, partecipando attivamente anche al progetto europeo ECHI.

Vive e lavora a Milano.

 

alt   

À quoi servira la collecte

   A che cosa servirà la mia colletta?

Concretamente, grazie al vostro supporto, potrò stampare il libro. Qui un grafico dei costi:

 

alt

 

Nel caso di donazioni superiori potrò organizzare serate incontro con proiezione delle immagini pubblicate, in modo da consolidare ancor più la memoria di un evento che ha cambiato la storia del nostro Paese. Dopo quattro anni di lavoro sulla "Grande Guerra" penso che conoscere la storia di quegli eventi renda gli uomini migliori.


 

Choisissez votre contrepartie

Pour 5 € et plus

  • Contributeurs : 5
  • Livraison Juin 2018

Pour 10 € et plus

  • Contributeurs : 10
  • Livraison Juin 2018

Pour 35 € et plus

  • Contributeurs : 44
  • Livraison Juin 2018

Pour 35 € et plus

  • Contributeurs : 83
  • Livraison Juin 2018

Pour 40 € et plus

  • Contributeurs : 36
  • Livraison Juin 2018

Pour 60 € et plus

  • Contributeurs : 20
  • Livraison Juin 2018

Pour 90 € et plus

  • Contributeurs : 18
  • Livraison Juin 2018

Pour 150 € et plus

  • Contributeurs : 2
  • Livraison Juin 2018

Pour 250 € et plus

  • Contributeurs : 4
  • Livraison Juin 2018

Pour 300 € et plus

  • Contributeurs : 5
  • Livraison Juin 2018

Pour 3 500 € et plus

  • Livraison Juin 2018

Faire un don

Je donne ce que je veux