Una fontana antica bellissima su cui si lavora da anni. Vogliamo finire di restaurarla nel suo originario splendore.Sei anche tu dei Nostri?

Large_copertina-1436965394-1436965498

Presentazione dettagliata del progetto

Obiettivo: restaurare ed inaugurare la Fontana entro giugno 2016

 

Da 10 anni studiamo, restauriamo Fontane e Tabernacoli ed altri beni culturali e paesaggistici in Italia con la convinzione che sensibilizzare, coinvolgere e lavorare per la loro tutela porti alla conservazione del bello e del paesaggio in cui essi originariamente erano collocati.

Perché non si debba dire mai "ormai è troppo tardi" perché si possa scrivere sempre un'altro felice capitolo di recupero del nostro patrimonio culturale.

 

Intendiamo utilizzare la colletta interamente per il restauro (vedi dettagli), l'obiettivo è fissato a 9.000 euro.

SOSTIENICI, con il tuo aiuto la fontana presto risorgerà!

Partecipa alla colletta oggi stesso!

 

LA STORIA

 

La fontana di San Martino fu voluta da Ferdinando III Lorena-Asburgo granduca di Toscana, e venne inaugurata nel 1817. Collocata appena a sud di Castelfiorentino, fin dall'inizio fu una delle infrastrutture più importanti per i viaggiatori provenienti o diretti a Roma. Poco a nord di Castelfiorentino esisteva una fontana molto simile a questa (oggi perduta) posta a poche decine di metri da una stazione di posta per il cambio dei cavalli e l'alloggio dei viaggiatori.

 

La fontana in vecchio regime era un'opera pubblica di primaria importanza e come tale aveva una propria epigrafe in marmo che celebrava chi l'aveva voluta: il granduca nella sua politica di impulso ai commerci e delle industrie del suo regno in piena epoca di Restaurazione.

 

Epigrafe-1436967155

L'epigrafe celebrativa della fontana datata 1817 (testo pubblicato nel 1918)

 

Essa era sottoposta a costanti manutenzioni e cure per non pregiudicarne la funzionalità.

L'acqua della fontana, reputata come acqua leggera ed adattissima ad essere bevuta perché fresca e pulita, oltre ad essere l'unica fonte di acqua davvero potabile per l'intero castello e borgo di Castelfiorentino, veniva utilizzata per abbeverare tutti gli equipaggi ed animali da tiro in transito sulla via Romana.

Con l'avvento del locale acquedotto pubblico la fontana subì un lento ma inesorabile declino, tanto che fino a circa 20 anni fa la fontana era un luogo incolto ed abbandonato ingoiato dalla vegetazione.

 

Foto_collezione_roberto_balestri_1933_-_35_-1436950134

Una foto data 1933 che ritrae alcuni abitanti di Castelfiorentino alla fontana di San Martino

 

RISALENDO LA CHINA

 

Dal 2007 l'associazione Eta Beta Onlus si è occupata della manutenzione del sito, ha predisposto un progetto di restauro conservativo ed ha dato inizio a lavori di restauro della fontana stessa e dell'area circostante, in accordo con il comune.

 

Nulla_osta-1436960570

Nulla Osta per il progetto di restauro da parte della competente sovrintendenza (SBAP)

 

Nell'anno 2008 si è provveduto alla ricostruzione del selciato davanti alla fontana che probabilmente

non riceveva cure dalla seconda metà dell'ottocento.

 

 

Dscn2216-1436960642

Gruppo di volontari al lavoro durante il restauro del piazzale anteriore della fontana

 

Nel 2009 è avvenuta la ripulitura del corpo centrale della fontana ed alla ricostruzione del piano di lavaggio. Tutta la struttura era interessata da un notevole attacco di agenti biologici e chimici inquinanti

che oltre a mettere a rischio i materiali ne avevano notevolmente modificato l'effetto cromatico.

 

 

Dscn2264-1436955890

Una restauratrice ripulisce la fontana dalle incrostazioni dovuti ad alghe ed agenti inquinanti gassosi

 

Dscn0611-1436961154

I piani di lavaggio durante la ricostruzione attuata nel 2009: erano state distrutte precedentemente con una parte rilevante della loro vasca.

 

Nel 2010 si è passati alla pavimentazione della vasca maggiore che era stata demolita negli ultimi anni del secolo scorso a causa della negligenza della ditta incaricata dei lavori.

Sono seguiti ininterrottamente interventi di mantenimento ordinario e straordinario che hanno permesso

di stabilizzare le condizioni del manufatto in attesa del definitivo intervento di restauro.

 

Dscn4397-1436953342

Il pavimento interno della fontana prende forma tra le mani di questa ragazza

 

Il restauro infatti non si è potuto -per ora-  completare a causa del costo delle opere lapidee ed in cotto che devono essere messe in opera e per la difficoltà riscontrate in passato per riportare l'acqua della sorgente alla sua fontana. Da cui la necessità di raccogliere fondi per completare questo importante restauro.

 

Tieni d'occhio noi ed il progetto! Seguici su Twitter scrivendo Mi Piace su Facebook

 

Img-20150716-wa0000-1437117901

Un gruppo di volontari di Eta Beta Onlus - luglio 2015

 

Img-20150310-wa0003-1436968792

Alcuni membri dell'associazione in posa. Marzo 2015

 

Una campagna di salvaguardia è prima di tutto un'evento sociale: molte persone vengono coinvolte a diverso titolo per una finalità comune (restauro, censimento, manutenzione, raccolta fondi o sensibilizzazione, o tutte o alcune di queste azioni). Fino ad oggi hanno partecipato alla Campagne molti cittadini italiani, ma anche moltissimi cittadini francesi, belgi, britannici, olandesi, statunitensi, spagnoli, australiani, tedeschi, ceci, slovacchi, polacchi, russi, irlandesi, sloveni, croati, turchi.

Tutti hanno potuto dare il proprio contributo anche in considerazioni delle proprie disponibilità, tempo libero e capacità. Come donatore potresti essere interessato anche a diventare un nostro volontario scopri come...

A cosa servirà la mia colletta?

 

                                                              Logo-1437258472

                                              Decima campagna

 

Raggiungere l'obiettivo che ci siamo posti è fondamentale per la fontana di San Martino.

La raccolta fondi servirà infatti per completarne il restauro.

In particolare, ad acquistare:

 

- i materiali lapidei necessari (alti rilievi, bocca della fontana, colonnini e piani angolari in travertino) ed a metterli in opera

EUR 9.000

 

Lavorazione_travertino-1436961502

 

Se la colletta supererà la soglia minima di 9.000 euro ecco come verranno utilizzati i fondi eccedenti:

 

- a realizzare mattoni in cotto oggi non più in fabbricazione ed uso, molto più lunghi degli attuali e dotati di decorazioni particolari uniche nel loro genere (a penna di pavone), gli unici adatti per terminare le parti distrutte o rovinate dal tempo.

EUR 1.500

 

Dscn0600-1436961713

 

 

- a completare la conduttura che fornirà acqua alla fontana, dalla sorgente originaria fino al tubo di uscita, tramite il re-interro di una conduttura idrica per la distanza di circa 150 metri che separa la sorgente dalla fontana

EUR 5.000

 

Scavi_stradali-1436961608

 

- a completare la piazza davanti alla fontana, ancora mancante dei colonnini che la recingevano in origine e di una parte della selciatura e delle necessarie opere dissuasive e protettive contro il traffico automobilistico.

EUR 1.500

 

- ad organizzare un campo di restauro internazionale che permetta a studenti e maestranze attivi nel campo del restauro e dell'interpretazione dei beni culturali di svolgere un'esperienza su questo interessante sito, davvero unico nel suo genere

EUR 1.000

 

Dscn2274-1436961898

 

Noi rimaniamo con i piedi per terra. SE VUOI STA A TE DARCI LE ALI !

Thumb_avatar-1436947203
Betty

Fondatrice dell'associazione Eta Beta Onlus, ne è il presidente. Nata e cresciuta a Milano, si occupa di beni culturali e della loro conservazione. Ha studiato alle università di Parma e Genova. Si confronta e lotta quotidianamente con il disinteresse per i beni storico-paesaggistici (sembra che sia degno di essere salvaguardato solo ciò che si trova... Continuare

FAQ Domande più frequenti sul progetto

+ Avendo bisogno di 9.000 euro, potreste comunque usare surplus di raccolta per il progetto?

9.000 euro ci permettono di acquistare i materiali in pietra necessari la cui mancanza in passato aveva provocato il bloccato dei lavori.
Il restauro quindi riprenderà DAVVERO grazie ai donatori!
Stupiscici... nei Dettagli del progetto scopri punto per punto come verranno spesi tutti i fondi che verranno raccolti anche quelli in surplus rispetto alla soglia di 9.000. Ogni euro in più è molto importante!

+ Se non utilizzo carte di credito (non le posseggo) posso ugualmente partecipare alla raccolta fondi per il restauro della fontana di San Martino alle Fonti?

Sì ma non direttamente: la piattaforma per i progetti italiani non prevede ancora l'utilizzo del bonifico bancario per donare direttamente su Kiss Kiss, tuttavia le donazioni fatte al progetto tramite bonifico (un volta ricevuto l'avviso di accredito) verranno versate nel cumulo-donazioni dall'associazione tramite carta di credito, a nome e per conto di chi ha fatto la donazione, ovviando dunque a questa limitazione. Appena possibile riceverai una notifica ufficiale che ti segnala il raggiungimento dei tuoi fondi per la causa del restauro, proprio come accade a chi dona direttamente con carta di credito.

+ Se nella donazione che ho scelto sono previste uno o più ricompense di cui non posso fruire è possibile recapitarle o farle fruire ad altri?

Certamente sì.
Esempio 1 : una delle ricompense previste è un campus estivo per bambini tra i 5 ed i 14 anni ed io sono maggiorenne e non ho figli.
Posso indicare come beneficiario mio nipote (figlio di mio fratello) oppure qualsiasi bambino a cui possa piacere e che ne possa beneficiare: basta comunicarci a parte il nominativo del beneficiario.
oppure...

Esempio 2: voglio donare per il progetto di restauro, ma voglio anche che compaia il nome di un amico che per motivi diversi stimo ed ammiro:
sarà sufficiente inserire il nome e dati dell'amico.
oppure...

Esempio 3: conosco un amico che vorrebbe donare anche lui per la causa del restauro, ma non usa la carta di credito. Possono fare io due donazioni, una per mio nome e conto ed una a nome e per conto del mio amico (facendomi rimborsare l'importo che ha deciso di donare). Ad ogni donazione corrisponderà un beneficiario diverso, anche se materialmente sono io che l'ho effettuata.

+ Come faccio a donare su Kiss Kiss Bank Bank?

E' abbastanza semplice:
1 - me collego alla pagina internet: http://www.kisskissbankbank.com

2 - creo il mio account personale inserendo i miei dati

3 - faccio ricerca del progetto che mi interessa, oppure vado direttamente su: http://www.kisskissbankbank.com/salvaguardia-di-fontane-e-tabernacoli-la-fontana-di-san-martino-alle-fonti

4 - Scelgo la cifra che voglio donare e seguo la procedura proposta fino a che sarà richiesto il pagamento. Per donare potrò usare solamente la carta di credito.

5 - se per diverse ragioni non sei in grado di portare a termine la procedura, contattaci al numero verde gratuito 800.134988 ( lun-ven 9-19, sab 9-13), saremo lieti di darti una mano!

Ultimi commenti

Thumb_default
Goccia dopo goccia! Buon lavoro, Claudia
Thumb_default
Spero davvero che la colletta giunga a buon fine.
Thumb_default
Queste sono alcune delle donazioni in denaro contante ricevute da persone conosciute che amerebbero vedere la fontana di San Martino presto restaurata.