Ciao a tutti! Due mostre in un anno con più di 200 sostenitori, un percorso che dovrà fermarsi qui senza il vostro aiuto.

Large_kkbb_ita_version-1421338461

Presentazione dettagliata del progetto

Non ho la certezza che l’inizio fu il 3 ottobre 1988, giorno del mio primo sguardo sul mondo. 

Tre anni fa mi contattò una donna, mia vicina di una delle tante case della mia infanzia: “ quasi sicuramente non ti ricordi di me, io ti ricordo piccola piccola, con una macchina fotografica rosa dalla quale non ti staccavi un attimo” mi disse. Solo allora mi ricordai di quell’oggetto, una macchina fotografica giocattolo rosa, con un cordoncino nero che all’interno aveva delle diapositive, sempre le stesse, instancabili immagini. 

Da quel giorno non ricordo interruzioni di rapporti, tra me e quell’appendice del mio corpo, un rapporto che si rinnova quotidianamente, come si rinnovano le immagini che mi circondano, un paradosso che vede l’incredibile dinamismo del mondo nel suo proiettarsi in un’istantanea, una foto, una responsabilità civile, condivisibile come l’architettura, la mia formazione dal 2007, la mia educazione allo sguardo, alla comprensione degli spazi perché vissuti.

Il Marocco, Parigi, Valencia, Barcellona, Madrid, il Belgio, l’Olanda, la Provenza, Francoforte, Colonia, Dusseldorf, la Sardegna, Il Veneto, un elenco custodito in cartelle, ricordi che ti lasciano la fame di una vita che non basterà mai a star ovunque ogni giorno . E’ nel quotidiano quindi che si concentra la mia ricerca, istantanee dinamiche, con il solo intento di richiamare l’attenzione al presente, in un sistema in crisi che si proietta verso un immaginario futuro per sfuggirgli, per rimandare le responsabilità dell’adesso a un domani senza “ora!”. 

Dopo due mostre in un solo anno nella capitale d'Europa, dove attualmente vivo, la mia macchina fotografica mi ha detto dignitosamente addio e con lei, i miei due nuovi progetti di esposizione intorno alla tematica del "capovolgimento delle prospettive".

 

 

Tumblr_ncarlq0trx1tcqlu7o1_r2_500-1418134936

A cosa servirà la mia colletta?

Lo scopo della colletta sarà appunto, quello di acquistare una nuova macchina fotografica e di finanziare l'allestimento delle mostre future perché queste immagini siano pubbliche e condivise nei maggiori punti d'incontro delle città. 

Alcune delle immagini già esposte si trovano sul mio blog che potete facilmente consultare: 

 

http://ritacuggia.tumblr.com/

 

Nel dettaglio:

 

>>>> 500 euro per l'acquisto di una nikon d300s di seconda mano

 

>>>> 100 euro per l'acquisto del materiale necessario per la costruzione dei set fotografici del nuovo progetto

 

>>>> 200 euro per le stampe e l'allestimento delle mostre

 

>>>> 100 euro per il finanziamento dei "premi" proposti rispetto alle offerte di voi contribuenti

 

 

 

Tumblr_n5teuwn1wl1tcqlu7o1_r1_500-1418134962

Thumb_avatar-1418202117
rcuggia

2013 | Erasmus Università La Cambre-Horta, Bruxelles Master-Degree 2012 | Percorso di Laurea Magistrale presso la Facoltà d'Architettura di Alghero (Università degli Studi di Sassari) 2010 | Laurea in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale presso la Facoltà di Architettura di Alghero (Università degli Studi di Sassari) con una... Continuare

Ultimi commenti

Default-3
L'arte è l'occasione più grande per ricordarci che siamo vivi. La fotografia di Rita Cuggia ne è l'esempio. Continua a nutrirci della tua arte.
Default-2
Tu es véritablement la meilleure à mes yeux. J'espère que le temps se donnera un peu plus à toi, que tu puisses te donner encore un peu plus à nous.
Default-7
Forza Rita! Continua a credere nei tuoi progetti!