Le Sedie di Dio è un lungometraggio franco-italiano che parla… di sedie. O è piuttosto un’esperienza artistica? Sapere se è possibile fare un film su delle sedie, questo oggetto onnipresente quanto ignorato. Abbiamo scelto le sedie perché non ci ispiravano assolutamente niente. Poi, dal filo all’ago, queste stesse ci hanno trasportato in un progetto internazionale di grande ambizione. Una follia. Come fare, dunque, un film sulle sedie? O meglio, come fare un film? Fare un film? ... Bisogna farlo e basta. http://www.leschaisesdedieu.com

Large_pasta

The project

Les Chaises de Dieu è un lungometraggio che vi condurrà dentro le rocambolesche avventure di un'equipe internazionale di cinema, alle prese con un film franco-italiano impegnato socialmente. Il film è una mise en abyme (una storia nella storia) che documenta le riprese di un film il cui protagonista – l'operaio Ignazio –, a causa della chiusura della fabbrica di sedie in cui lavorava, si vede obbligato a un presente che non riesce a vedere in prospettiva. L'insieme delle tappe di lavorazione di questo progetto saranno esplorate accanto al regista e alla sua equipe: dalla nascita dell'idea originaria fino all'ultimo giorno di riprese, passando per la scrittura, la produzione, il casting e la regia; fino al momento in cui documentario e film si uniranno nella stessa opera come un sogno incontrollabile.

 

 

Quando si lavora a un film esiste un punto di non ritorno: le notti in cui si iniziano a sognare le riprese. A partire da questo momento il film prende possesso del sognatore, accompagnandolo giorno e notte. Che il sognotore sia regista, o assistente operatore, o truccatrice, il suo sonno sarà sempre più banale che la sua veglia. Durante i suoi sogni l'assistente regia, per esempio, si preoccuperà della logistica della sua giornata di lavoro: consegna del materiale girato al laboratorio di sviluppo pellicola, rispetto del piano di lavorazione, ritardi e problematiche legate al traffico automibilistico. Il secondo assistente alla regia distribuisce in continuazione i fogli di servizio, nei quali è specificato il programma del giorno dopo. L'assistente operatore sognerà ossessivamente di pulire l'obiettivo della sua camera.

 

 

 

 

Al di là di un omaggio alla cultura italiana e agli anni d’oro del suo cinema, quando Cinecittà era il centro del mondo e anche Bruce Lee girava La furia del dragoLes chaises de dieu è prima di tutto un omaggio a Elio Petri e al suo film La classe operaia va in paradiso. Questo grande regista, in gran parte dimenticato dal pubblico e dalle università, rimane uno dei più grandi registi italiani degli anni ‘70. La messa in scena dinamica della "fiction" è un tributo alla sua arte, un misto di follia e raffinatezza. Non posso tuttavia ignorare l'influenza che ha avuto su di me l'umorismo dei primi film di Nanni Morretti, Io Sono un autarchico o Ecce Bombo e il suo team di attori confusi. Così come Fellini e il suo libro Fare un film, divenuto la mia bibbia, dove egli mette costantemente in parallelo i suoi sogni e i suoi film.

Anche se il regista è francese e l’attore principale serbo, il film sarà interamente girato in lingua italiana.

 

 

Why fund it?

Stiamo preparando il nostro primo lungometraggio senza disporre di alcun budget. Questo può sembrare completamente folle; e probabilmente lo è. E proprio perché è così folle andremo avanti fino alla fine! Daremo prova che è ancora possibile realizzare un buon film senza spendere a oltranza. Questo progetto è reso possibile grazie a una squadra di professionisti che si è offerta di seguirci per passione. Non solo: i luoghi delle riprese, il materiale (video, suono e luci) e la post-produzione ci sono gentilmente offerti. Tuttavia, per mantenere alto l'entusiasmo e per permettere a questo primo lungometraggio di rivelarsi un’esperienza umana eccezionale, non bisognerà lesinare sul cibo: non vorremmo certo nutrirci di sola fredda pasta al burro, ciò provocherebbe un’ondata di disperazione da parte della nostra equipe italiana. Non abbiamo dunque bisogno che di voi e del vostro aiuto per poterci sostentare adeguatamente facendo della nostra energia una forza inesauribile; e di questo film un successo!  

 

Art-brut

 

Squadra da nutrire: il regista, il primo assistente di regia, il secondo assistente di regia, la scripte, il direttore di fotografia, il primo assistente operatore, il secondo assistante operatore, l’assistente di produzione, il direttore di produzione, la régisseuse e la sua squadra, la truccattrice, la parrucchiera, la costumista, la stilista, la scenografa e la sua squadra, gli attori.

 

Thumb_extrait_locri
Jérôme Walter Gueguen

Nato a Parigi nel 1985, Jérôme Walter si appassiona al cinema in giovane età e ci lavora professionalmente da più di tre anni. Realizza il suo primo cortometraggio all’età di quattordici anni; sei anni più tardi, con una laurea in studi cinematografici conseguita all’Università Denis Diderot (Paris) si trasferisce in Italia per due anni dove sviluppa... See more

Newest comments

Thumb_default
sediamoci di sedie!