La désespérance d’une beauté tragique

Il mio nuovo libro sui ritratti degli ultimi anni.In totale libertà.

Visuel du projet La désespérance d’une beauté tragique
Échoué
0
Contribution
16/01/2015
Date de fin
0 €
Sur 4 000 €
0 %

La désespérance d’une beauté tragique

<p> Al di là dell'overdose compulsiva delle nuove tecnologie, esiste una fotografia più profonda e riflessiva, più vicina alle sensibilità umane.Esiste lo studio.Esiste la posa.Esiste la pellicola e la camera oscura.Esiste il <strong>ritratto</strong>.</p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="__2-1415800345" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137206/__2-1415800345.jpg"></p> <p>  </p> <p> Amo i libri prodotti  in <strong>auto-edizione</strong>  in totale libertà.La creatività ha bisogno che la libertà sia totale.</p> <p> Questo sarà il mio quarto libro.</p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="__3-1415800504" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137209/__3-1415800504.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="__9-1415801196" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137214/__9-1415801196.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p> Quando cerco di spiegare il mio modo di fare ritratti non posso non ricordarmi delle profonde analisi che sono stati fatte da diversi autori,Barthes, Boudrillard, Mirzoeff,Lotman, che in un certo senso mi hanno fatto scoprire il lato nascosto della fotografia e dei miei <strong>“ritratti fluidi”</strong>.</p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="N__1-1415801293" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137215/N__1-1415801293.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p> Il <strong>mezzo secondo</strong> che uso come tempo di esposizione è in fotografia un tempo molto lungo ed io sono interessato a racchiudere in questo tempo tutti gli istanti che si producono quando vi è un leggero movimento della testa.La mia foto fluida così racchiude quello che io definisco un <strong>macro-istante</strong>.Una sequenza d'esistenza.<i>Cosa ho fotografato in effetti ?</i> Ho sempre notato un leggero smarrimento dei soggetti fotografati alla vista della stampa finale,ma non è questo che mi interessa maggiormente,</p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="N__3-1415801372" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137216/N__3-1415801372.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p> d'altra parte non è un ritratto fatto per una rivista di moda,lo scopo non è quello di far sembrare il soggetto di quella bellezza rassicurante tanto richiesta da un certo tipo di commissione.Quello che mi interessa di più è la percezione dello spettatore,<i>cosa vede ? E' questa “l'aria” di Barthes ? Quell'ombra chiara che illumina il corpo o è qualcos'altro ?</i></p> <p>  </p> <p> <img alt="N__62-1415801433" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137218/N__62-1415801433.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p> Mi sono sempre chiesto cosa volesse dire la gente quando usa la parola “particolare” che viene usata frequentemente (per non dire costantemente) alla vista dei miei ritratti.</p> <p> “Particolare ma non so se me ne farei fare uno...”</p> <p> <i>Perchè questa inquietudine ?</i></p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="__4-1415801485" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137220/__4-1415801485.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="__5-1415801502" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137221/__5-1415801502.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p> Non è solo un fatto di espediente tecnico,dopotutto un leggero mosso in fotografia è argomento assai classico,ma ogni leggero movimento del capo implica una lotta con il caso nella continuità della luce.E così che la figura antropomorfa prende il sopravvento e l'uomo si concede all'indagine,è così che perdo l'illustrazione dell'oggetto-figura per arrivare nella sfera del desiderio e delle sensazioni.Il movimento come un virus che non trova anticorpi produce una overdose di singoli istanti racchiusi in un solo scatto della durata di mezzo secondo.Una fotografia fluida,ribelle alle connotazioni classiche,enigmatica quanto basta per suscitare l'emozione della visione permettendo allo spettatore l'esercizio dello sguardo.</p> <p>  </p> <p> <img alt="__6-1415801543" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137222/__6-1415801543.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p> Il movimento è fonte di contaminazione luminosa,l'immagine che vibra determina un'odissea delle particelle luminose,la luce e l'ombra si scambiano di posto,la forma e il senso derivano e si appropriano di una sorta di spazio utopico.E' una fotografia che vive dopo quello che sarebbe stato il primo istante catturato,la fotografia dopo la fotografia.<i>E' una nuova verità fotografica?E la verità del corpo dove si colloca esattamente? La verità del corpo fotograto forse sta tra la verità e l'illusione fotografica.</i></p> <p>  </p> <p> <img alt="__7-1415801593" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137223/__7-1415801593.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="N__4-1415801636" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137224/N__4-1415801636.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="N__7-1415801663" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137225/N__7-1415801663.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p> Non mettere il nome significa negare l'identità,ma l'identità è un concetto troppo ancorato alla cultura del tempo mentre io cerco di creare “un'aura universale” dell'uomo,colui che è oltre ogni cultura,il “selvaggio” di Barthes.</p> <p> Alcuni ritratti si pongono ai margini dell'illustrativo ma mai compongo la scena preferisco strappare al flusso continuo il mio <strong>macro-istante</strong>.</p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="N__8-1415801717" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137226/N__8-1415801717.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p> Forse sono immagini difficili da consumare subito,sono visioni che non si sottopongono facilmente ad una immediata digestione come vorrebbe la società della comunicazione circolare e della obsolescenza programmata.Esiste un'imperialismo consumistico che si è impadronito di ogni cosa,decretando le mode,la vita e la morte delle cose e anche l'arte è diventata una preda.Il mondo assorbe l'arte attraverso lo spettacolo che ne danno in diretta le grandi case d'asta,cifre milionarie,televisione,acquirenti VIP....sarà tutto vero?</p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="N__17-1415801776" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137229/N__17-1415801776.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p> Lo spettacolo anestetizza e rassicura la borghesia il cui universo si basa sul sogno ,sulla possibilità dei poveri di diventare ricchi.</p> <p> Lo spettacolo della guerra,del sangue,della violenza,della miseria a cui la fotografia si presta così bene e rassicura la morale borghese : “ciò che è in foto è lontano da me”</p> <p>  </p> <p> <img alt="N__24-1415801838" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137231/N__24-1415801838.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="_11-1415801872" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137232/_11-1415801872.jpg"></p> <p>  </p> <p> <i>Sono rassicuranti i miei ritratti? Dovrei preoccuparmene? </i>I<i>n questi volti anonimi,solo un numero per titolo,l’uomo diventa creatura e nella negazione dell’identità si gioca l’antico rapporto tensione-equilibrio che l’essere antropologico ha con la sua icona-immagine e che qui diventa una vibrazione costante : sensoriale e patologica. </i></p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <img alt="N__43-1415801939" src="https://d3v4jsc54141g1.cloudfront.net/uploads/project_image/image/137235/N__43-1415801939.jpg"></p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p>  </p> <p> <i>Cos'è tutta questa fragilita? Esiste ancora quel campo chiuso di forze che Barthes teorizzava esistesse nel rapporto tra chi fotografa e chi è in posa?</i></p> <p> <strong><i>Bisogna andare oltre, al di là del volto, al di là della maschera.</i></strong></p> <p>  </p>

À quoi servira la collecte

<p> Il vostro  sostegno serve a far fronte in maniera parziale alle spese di tipografia che ammontano a circa</p> <p> 7500 euro.</p> <p> il libro di circa 80 pagine di formato cm 24x30 contiene 50 foto.</p> <p> Stampato con estrema cura, in bicromia, su carta patinata opaca di 160 grammi avorio chiaro</p> <p> Copertina rigida</p> <p>  </p>

Choisissez votre contrepartie

5 €

Livraison estimée : juillet 2015

Vi ringrazierò citando il vostro nome sul mio blog e sul mio profilo facebook

25 €

Livraison estimée : juillet 2015

1 copia del libro firmata e dedicata a vostro nome

50 €

Livraison estimée : juillet 2015

una copia del libro firmata e una stampa da collezione cm 20x20 Archival Pigment Print

100 €

Livraison estimée : juillet 2015

due copie del libro firmate e una stampa da collezione cm 30x30 Archival Pigment Print in edizione limitata 1/20
  • 20/20 disponibles

300 €

Livraison estimée : juillet 2015

due copie del libro firmate e una stampa da collezione cm 40x40 in edizione limitata 1/10
  • 10/10 disponibles

500 €

Livraison estimée : juillet 2015

due copie del libro firmate e una stampa da collezione Silver Print cm 30x40 (immagine 28x28) in edizione limitata 1/6
  • 6/6 disponibles

Faire un don

Je donne ce que je veux